FRIGIDAIRE
IL NUOVO MALE
VINCENZO SPARAGNA
FRIGOLANDIA
twitter.com/FRIGOLANDIA
STRAORDINARI REGALI per tutti gli ABBONATI! Care amiche e amici, lettrici e lettori, guardate attentamente l'elenco dei fantastici regali riservati a chi si abbona o rinnova l'abbonamento alle nostre riviste FRIGIDAIRE e IL NUOVO MALE!
Con l'abbonamento doppio riceverete subito un valore superiore all'importo versato scegliendo DUE eccezionali regali originali.
Il costo annuale è di 50 euro per l'Italia, 90 euro per l'Europa, 130 euro per i paesi extraeuropei.
Per sostenere le nostre riviste, invitiamo tutti a sottoscrivere il "doppio abbonamento sostenitore", che è anche il sistema migliore per non perdere nessun numero in uscita.
I regali richiesti vengono inviati subito, le spedizioni raggiungono tutto il territorio italiano e, con un piccolo supplemento di spesa, tutti i paesi esteri.
Diventare cittadini della Repubblica di Frigolandia, prima Repubblica Marinara di Montagna, Accademia delle Invenzioni, è facile e conveniente. È sufficiente acquistare il Passaporto annuale (euro 100), che dà diritto a sette giorni (anche non consecutivi) di soggiorno gratuito nella Repubblica.
Tutte le riviste e le pubblicazioni che hanno fatto la nostra storia:
Frigidaire, Cannibale, Il Male, Frìzzer, Vomito, Tempi Supplementari, Il Lunedì della Repubblica, Il Nuovo Male, La Piccola Unità, gli Albi, e inoltre le T-shirt e i Poster storici.
Una guida completa per chi vuole acquistare e leggere i reportage, i fumetti e i racconti, della più rivoluzionaria rivista d'arte del mondo.
Copertine e prezzi.
Galleria di Frigolandia per acquistare opere d'arte, stampe rare, oggetti unici.
Disegno inedito di Andrea Pazienza
REPUBBLICA di FRIGOLANDIA, museo e redazione di FRIGIDAIRE e IL NUOVO MALE. Editoriale di Vincenzo Sparagna. Coordinamento e grafica di Maila Navarra. Testo di Vincenzo Sparagna, direttore di Frigidaire e de Il Nuovo Male

Testo di Vincenzo Sparagna direttore di FRIGIDAIRE e IL NUOVO MALE. Vignetta di Giuliano

La guerra della carta igienica
di Vincenzo Sparagna - 5-3-2017

In un'Italia sempre più egoista e stupida, c'è la guerra permanente della carta igienica. Ci si accapiglia su chi debba fornirla, si intrecciano complotti per ottenerne l'esclusiva per questo o quell'edificio pubblico, tribunali, ospedali, parlamento. E non solo ci si batte per la carta igienica, anche per la pulizia delle scale, la lucidatura dei vetri, la riparazione dei guasti idraulici, la tinteggiatura degli esterni e degli interni e mille altri servizi. A lottare l'un contro l'altro armati sono eserciti di avvocati e consulenti, esperti e mediatori, faccendieri e imprenditori d'assalto. Il bottino da conquistare sono i miliardi di euro degli appalti pubblici. Mentre le persone comuni faticano per poche centinaia di euro, fortune milionarie passano dallo Stato alle poche imprese private capaci di spuntarla in gare che si svolgono nell'oscurità di bandi e capitolati elaborati apposta per loro. Tutto il sistema della spesa pubblica, non solo quella per cessi e affini, segue lo stesso percorso tortuoso e irto di trabocchetti. Praticamente, non c'è un solo euro che lo Stato spenda direttamente, oltre quelli per i suoi dipendenti (circa 3 milioni) e i pensionati (circa 18 milioni). Il resto viene impiegato in finanziamenti a enti vari che li usano per acquisti e appalti a ditte e imprese private. Ed è qui che si scatena la guerra. Per assicurarsi le mille fette della immensa torta si svolge ogni giorno una sfida senza esclusione di colpi. Corruzione di funzionari, sostegno a politici amici, offerte al ribasso per ricavare profitti dalla scarsa qualità e/o dallo sfruttamento selvaggio del lavoro e dei subappalti, tutto è lecito per impadronirsi in esclusiva, o dividersi in cordata, il denaro pubblico. Ogni tanto uno scandalo, come l'ultimo che ha portato in galera (c'è da giurare per poco tempo...) il megaboss napoletano Alfredo Romeo (oltre duecento milioni di fatturato), svela il dietro le quinte di questa competizione segreta, portando in primo piano (a torto o a ragione) nomi e cognomi più o meno noti, Marroni, Lotti, Del Sette, Saltalamacchia, Russo, Renzi senior, Bocchino, Verdini ecc., oppure del tutto ignoti a noi semplici mortali, come il reo confesso funzionario Consip (Concessionaria Servizi Informativi Pubblici) Marco Gasparri, assoldato fin dal 2012 da Romeo al modico prezzo di 5 mila euro mensili. Sono come lampi in una notte buia, perché, passata la tempesta, lo squarcio di luce si spegne e nomi, fatti e misfatti vengono dimenticati. Per parafrasare la celebre battuta di Humphrey Bogart: "è il capitalismo bellezza!", ovvero l'inferno sociale nel quale la civiltà affonda sempre più come in un mostruoso gorgo, trasformando gli umani in belve accecate dalla sete di denaro.

Vignetta di Giuliano, storico disegnatore di FRIGIDAIRE, IL MALE e IL NUOVO MALE.

[ Archivio Editoriali ]

REPUBBLICA di FRIGOLANDIA - La Colonia/Montecerreto - 06030 - Giano dell’Umbria (Pg) - Italia
Tel. +39 0742 90570 - 334 2657183 Redazione: frigolandia@gmail.com - Segreteria: frigilandia@gmail.com
Web Design: Maila Navarra. Software: Cristoforo Sparagna jr. - www.humus.it